Pubblicità

Il Web visto da Antonino

il Web visto da  Antonino

Europa Europa

Il web non e' sesso e perversione, ma amicizia,

amore e unione tra i popoli.

Il Cavaliere Solitario

Facepile

Site-Book votazione

Google+ Followers

Lettori fissi

Una Top Model al giorno sul tuo sito

Se vuoi sapere chi è o vuoi vederne delle altre clicca

Puoi installare questo widget sia sul tuo sito che sul tuo blog:

Acquistalo su Addyon

NOTE SU QUANTO SEGUE

Tutto quanto leggerete è frutto della mia fantasia e, ogni riferimento a fatti è puramente casuale, ci sono cose mischiate nel tempo

i cui avvenimenti mi hanno ispirato a scrivere quanto sotto leggerete. Riporto qui tutto quanto ho scritto nella pagina del Cavaliere Solitario

di Facebook, anche frasi e parole degli amici, dei giornali, che più mi hanno colpito.

Massima

Massima del Cavaliere Solitario:

L'amore che nasce nel virtuale è come una sottile lastra di vetro che si frantuma a contatto della realtà.

Il Cavaliere Solitario

giovedì 18 ottobre 2012

Lettera a mio padre e mia madre


Carissimi mamma e papà, forse non vi ho mai chiamato
così perché non me lo avete mai permesso, vi scrivo per dirvi
che non vi dimentico e per dirvi che non si può continuare
a vivere facendo la guerra a tutto il mondo.
Credo che tutti noi riceviamo dei torti, ma non per questo uno si deve isolare.
La frase che mi avete detto fin da piccolo: “Non ci serve niente da nessuno”
non è assolutamente vera.
Tutti abbiamo bisogno dell’amore degli altri per poter migliorare
noi stessi confrontarci e a nostra volta amare gli altri.
Non si può pensare di andare in chiesa e di essere sempre dalla parte della ragione.
Il dovere di un buon cristiano è anche saper perdonare.
Non si può decidere se delle persone possano far parte della famiglia o meno.
Si fa parte di una determinata famiglia perché ci si nasce non perché lo decide qualcuno.
Io credo che si può provare a chiedere scusa anche a chi non ha ragione proprio del tutto.
Inoltre bisogna, quando si prendono determinate decisioni,
pensare anche alle conseguenze che portano agli altri.
Tra cui il fatto che mia figlia è costretta a vedere un parente
alla volta perché non si frequentano e mette in difficoltà
le persone che dovrebbero spiegargli il motivo di tutto questo.
Vogliamo insegnare e dare come esempio l’astio e l’odio tra le persone a questi ragazzi?
Non mi sembra che sia la cosa giusta.
Anzi io chiedo scusa a voi per questa lettera che è lungi dall’intento di ferirvi
ma io ho voluto comunicarvi quale è il mio pensiero.
Se voi mi ascolterete e interpreterete nella giusta misura
quello che io dico vincerete il vostro orgoglio e la vostra superbia.
Ma se non mi ascolterete perderete i veri valori della vita.


il cavaliere solitario

Nessun commento:

Posta un commento