Pubblicità

Il Web visto da Antonino

il Web visto da  Antonino

Europa Europa

Il web non e' sesso e perversione, ma amicizia,

amore e unione tra i popoli.

Il Cavaliere Solitario

Facepile

Site-Book votazione

Google+ Followers

Lettori fissi

Una Top Model al giorno sul tuo sito

Se vuoi sapere chi è o vuoi vederne delle altre clicca

Puoi installare questo widget sia sul tuo sito che sul tuo blog:

Acquistalo su Addyon

NOTE SU QUANTO SEGUE

Tutto quanto leggerete è frutto della mia fantasia e, ogni riferimento a fatti è puramente casuale, ci sono cose mischiate nel tempo

i cui avvenimenti mi hanno ispirato a scrivere quanto sotto leggerete. Riporto qui tutto quanto ho scritto nella pagina del Cavaliere Solitario

di Facebook, anche frasi e parole degli amici, dei giornali, che più mi hanno colpito.

Massima

Massima del Cavaliere Solitario:

L'amore che nasce nel virtuale è come una sottile lastra di vetro che si frantuma a contatto della realtà.

Il Cavaliere Solitario

lunedì 29 ottobre 2012

La Donna


Un bambino chiede alla mamma: «Perché piangi?».

«Perché sono una donna» gli risponde.


«Non capisco» dice il bambino.

La mamma lo stringe a sé e gli dice: «E non potrai mai capire…»

Più tardi il bambino chiede al papà: «Perché la mamma piange?»

«Tutte le donne piangono senza ragione», fu tutto quello che il papà 
 
seppe dirgli.

Divenuto adulto, chiese a Dio: «Signore, perché le donne piangono così 
 
facilmente?»


E Dio rispose:

«Quando l’ho creata, la donna doveva essere speciale.

Le ho dato delle spalle abbastanza forti per portare i pesi del mondo,

e abbastanza morbide per renderle confortevoli.

Le ho dato la forza di donare la vita,

quella di accettare il rifiuto che spesso le viene dai suoi figli.

Le ho dato la forza per permetterle di continuare quando tutti gli altri 
 
abbandonano.


Quella di farsi carico della sua famiglia senza pensare alla malattia e alla 

fatica.

Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli di un amore incondizionato,

anche quando essi la feriscono duramente.

Le ho dato la forza di sopportare il marito nelle sue debolezze

e di stare al suo fianco senza cedere.

E finalmente, le ho dato lacrime da versare quando ne sente il bisogno.

Vedi figlio mio, la bellezza di una donna

non è nei vestiti che porta, né nel suo viso, o nella sua capigliatura.

La bellezza di una donna risiede nei suoi occhi.

Sono la porta d’entrata del suo cuore, la porta dove risiede l’amore.

Ed è spesso con le lacrime che vedi passare il suo cuore».



Dalla pagina di Facebook "La mia Pagina"

Foto: Un bambino chiede alla mamma: «Perché piangi?».
«Perché sono una donna» gli risponde.
«Non capisco» dice il bambino.
La mamma lo stringe a sé e gli dice: «E non potrai mai capire…»
Più tardi il bambino chiede al papà: «Perché la mamma piange?»
«Tutte le donne piangono senza ragione», fu tutto quello che il papà seppe dirgli.
Divenuto adulto, chiese a Dio: «Signore, perché le donne piangono così facilmente?»
E Dio rispose:
«Quando l’ho creata, la donna doveva essere speciale.
Le ho dato delle spalle abbastanza forti per portare i pesi del mondo,
e abbastanza morbide per renderle confortevoli.
Le ho dato la forza di donare la vita,
quella di accettare il rifiuto che spesso le viene dai suoi figli.
Le ho dato la forza per permettele di continuare quando tutti gli altri abbandonano.
Quella di farsi carico della sua famiglia senza pensare alla malattia e alla fatica.
Le ho dato la sensibilità di amare i suoi figli di un amore incondizionato,
anche quando essi la feriscono duramente.
Le ho dato la forza di sopportare il marito nelle sue debolezze
e di stare al suo fianco senza cedere.
E finalmente, le ho dato lacrime da versare quando ne sente il bisogno.
Vedi figlio mio, la bellezza di una donna
non è nei vestiti che porta, né nel suo viso, o nella sua capigliatura.
La bellezza di una donna risiede nei suoi occhi.
Sono la porta d’entrata del suo cuore, la porta dove risiede l’amore.
Ed è spesso con le lacrime che vedi passare il suo cuore».


Il Cavaliere Solitario


100 D0NNE 100 EROINE

Dall'inizio dell'anno, secondo Telefono Rosa, sono 100 le donne uccise. Si è passati da un omicidio ogni tre giorni registrato l'anno scorso a uno ogni due giorni. E nella maggior parte dei casi gli autori di questi delitti sono mariti, ex fidanzati, comunque persone nella cerchia affettiva delle mura domestiche. Secondo l'indagine dell'associazione relativa al 2011, l'87% delle donne che hanno chiesto aiuto a Telefono Rosa hanno subito violenza in famiglia o da quelli che potevano ritenere fossero ''i loro cari''. "Non c'è una risposta adeguata a questa crescita inaudita di dati relativi alla violenza sulle donne'' dicono a Telefono Rosa ricordando che i soldi del fondo antiviolenza sono stati ridotti. 
Cento vittime nel 2012, una donna uccisa ogni due giorni. I dati, allarmanti, arrivano dalle statistiche e sono ormai quasi quotidianamente confermati dalla cronaca. L'ultima vittima, in ordine di tempo, la ragazza uccisa ieri a Palermo, nel tentativo di difendere la sorella aggredita a coltellate dall'ex fidanzato. 
Carmela

Carmela aveva diciassette anni. Aveva la vita davanti. Andava bene a scuola e voleva studiare medicina. Tutto è finito a Palermo sotto casa, mentre tornava per pranzo. Finito in una pozza di sangue. Ad ucciderla Samuele Caruso, 23 anni, che prima ha tentato di far fuori la sua ex fidanzata, ora ferita gravemente ma non in pericolo di vita, poi con il coltello ha colpito e ammazzato Carmela, mentre si metteva disperatamente in mezzo tra lui e la sorella Lucia.

Strage nella scuola

Melissa e la sua amica



Brindisi, bomba davanti a una scuola. Morta una ragazza di 16 anni, gravissima una sua compagna. Trovati i resti di un timer

E' questo il mondo che stiamo vivendo? possibile che l'uomo sia diventato così vigliacco da prendersela con le donne? possibile che colui che fa loro del male è nella casa e addirittura molto spesso lo hanno sposato? e poi, la cosa che sconcerta di più è che tutto questo avviene nell'indifferenza della gente che magari è anche presente, oppure sentono violenti litigi che precedono questi efferati delitti senza fare niente, nemmeno chiamare le forze dell'ordine.
il cavaliere solitario

mercoledì 24 ottobre 2012

Enrico Mattei


Enrico Mattei era uno che pensava alla gente, che pensava all'Italia e non

gli importava della politica, ma solo degli Italiani, ce ne fossero come lui al 

giorno d'oggi, ma come tutti coloro che sono diversi dagli altri, va 

eliminato, come tutti coloro che non si comprano, che non hanno un 

prezzo, va eliminato. Se non lo puoi comprare lo devi distruggere, questo il 

motto dei potenti.
Il Cavaliere Solitario

venerdì 19 ottobre 2012

Tommasina

Dopo 15 anni Tommasina è salita in Cielo e ci ha lasciato con molta tristezza nell'anima

 


il cavaliere solitario

PAESAGGIO LUNARE

Tutto è d’argento 
nel silenzio ovattato 
della notte 
la luna risplende e

rende magico
il paesaggio ...
dolcezza ...
delicatezza ...
sento e percepisco
il battere del tuo cuore
il battere del mio
che alimenta il sogno
di un momento vissuto
in una notte incantata ...
ed è poesia ... 



La Dama Del Tempo





giovedì 18 ottobre 2012

LACRIME

Ho lavato il tuo amore
con lacrime pure
sarà splendore

nel segreto del cuore
gioia e dolore
si alternano
nella vita
ed è sempre
qualcosa di grande
ciò che ci commuove



La Dama Del Tempo





Un puntino nell’universo


Io non sono niente
Sono soltanto un puntino nell’universo
Cerco di inviare il mio messaggio d’amore
Ma purtroppo incontro molta resistenza da parte degli altri
Siamo tanti che lanciano questo messaggio
Ma purtroppo siamo tanti puntini isolati
Se ci unissimo potremmo fare qualcosa di più
Le illusioni, le delusioni, le disgrazie
Induriscono il cuore e non si è predisposti a ricevere questo messaggio
Non si riesce a capire che bisogna amare senza condizioni
Senza pretendere di essere ricambiati
Senza pretendere che gli altri agiscano come vorremmo noi.
Molto spesso tendi una mano e l’altro la scaccia
Pensando che tu lo fai con un secondo fine.
Anche soltanto il solo pensiero che tu possa lasciarti prendere da quella mano
e poi possa soffrire quando quella mano non c’è più, te la fa scacciare.
Ma purtroppo noi abbiamo bisogno degli altri
specialmente nei momenti di sconforto, in cui non siamo in grado di capire
qual è la mano giusta da afferrare.

Il Cavaliere Solitario



Grazie


Sono qui soltanto dai primi d'agosto,
direi che tra gli amici vecchi, quelli nuovi,
qualche cuginetta, e qualcuno che, via via, si è aggregato,
siamo riusciti a formare un bel gruppo.
Molti non mi conoscono, altri mi conoscono poco,
altri mi conoscono da anni,
ma vedo che qui si è creato subito un ambiente familiare
e sono fiero e felice di avervi tutti qui con me,
uno per uno, tutti e 524.
Settembre per me è un mese pieno di emozioni
e mi piace condividerle con tutti voi una per una.
Grazie a tutti per essere qui.

il cavaliere solitario

ps.postato su Facebook il 14 settembre 2010

In viaggio verso il lavoro


Mi annoiavo durante l'ora di pulman che mi faccio la mattina
per andare al lavoro, all'improvviso dopo tanti anni
spunta uno strumento che ti permette di stare a contatto
con gli amici anche con il cellulare ero sempre stato scettico
su facebook ma ora devo ricredermi.

il cavaliere solitario

La solitudine


E` quella cosa che ho dentro,
che non mi lascia mai nonostante
tanta gente sia sempre presente.
Quell'animo vuoto freddo
non aspetta più niente,
il cuore gelido che sembra morente.
Tutto il giorno lavoro, fatico,
mi stanco e non sono contento.
Continuo a lottare ma sono stanco,
a volte penso chi me lo fa fare
eppure faccio di tutto per continuare.

il cavaliere solitario

Solo un bacio


Innamorarsi non è a comando

È un crescendo e te ne accorgi quando ne sei dentro fino al collo

Il cuore e la mente iniziano una lotta senza tregua, giorno e notte

La mente impone razionalità, il cuore comincia a conquistarsi la tua anima

E comincia una lotta due contro uno fino al giorno della vittoria

In cui ti parte anche la mente

E ancora non è entrato in ballo il tuo corpo

Quando succede questo non capisci più niente

Il tuo sangue ribolle, ti senti la febbre addosso

E la tua mente comincia ad ardere dal desiderio

Ti basterebbe solo un bacio

E per quel bacio daresti la vita.

il cavaliere solitario

Addio


Credo che sia la parola più assurda che si possa dire
perché se si ha il tempo di dire
addio si ha anche il tempo di pensare
arrivederci

Se si vuol dire veramente addio
si tronca improvvisamente
senza nessun preavviso
e non si dice niente

Quando qualcuno ti dice addio
Ti sta dicendoguarda sono qua
E ti sto salutando
Mi stai perdendo
Ma puoi trovarmi la

In quel momento ti senti
perso ma dentro di te senti
che quella persona
forse la rivedrai
La sentirai

O forse è veramente finita
Ma c’è un forse
C’è una speranza
E riponi tutto nella provvidenza

Ti svegli da un sogno
E ti accorgi che è tutto finito
Torni nella realtà
E non avresti voluto svegliarti

il cavaliere solitario

Il Cavaliere nero


Nell`infuriare della battaglia,
improvvisamente arrivò un nero cavaliere.
Nessuno sa che cosa ha in mente,
nessuno sa che cosa ha nel cuore.
Fatto sta che tirò le redini del Cavallo
talmente forte che il cavallo stesso
mandò un potente nitrito
rizzandosi sulle sue zampe
in tutta la sua altezza.
Il nemico fuggì impaurito,
e la gente era salva.
Quel cavaliere è dentro ognuno di noi
basta volerlo e desiderarlo.
Colui che è dalla parte del torto
basta un niente per spaventarlo.
La coscienza lo fa fuggire
di fronte al cuore impavido
del Cavaliere nero.

il cavaliere solitario

Il muro


Ho costruito un muro alto non so quanto,
davanti al mio cuore, in modo che non sento,
il mondo intorno a me era tutto spento.
Oggi un angelo si è affacciato,
una luce mi ha accecato,
ed il muro improvvisamente è crollato.
Tanti anni per costruirlo
pochi secondi per abbatterlo.
Io niente più sto capendo
la mente mi si sta annebbiando
per la prima volta ho paura
ho paura, ho paura.
Non ho mai avuto paura di niente
un cavaliere impavido e coraggioso
e ora è bastata una piccola luce
ad illuminare tutto il creato.
Amore? non so se è amore
so solo che dopo tutto questo tempo
è giusto rivedere la luce.
Ma ho paura, come se fossi stato
tutto questo tempo in una stanza buia.
Ho paura come se improvvisamente
quella luce mi dicesse
è ora di ricominciare a vivere.
Ho paura e mi chiedo ogni minuto
se è giusto o sbagliato.

il cavaliere solitario

L’amore


Già l’amore!!!
Seduto in riva a quel lago
a guardare la luna.
Improvvisamente lei
tutto cambia colore,
l’alba il tramonto il cielo, le stelle
aspettare ridere sognare
le giornate più belle erano quelle.
I suoi occhi i suoi baci
improvvisamente non siamo capaci
di capire ragionare comprendere,
la nostra vita non ha più senso
non ci importa più di niente.
E poi ancora baci
tenere tra le braccia
quel piccolo fiore
solo quello nella nostra mente.
Ma un giorno tutto questo finisce
rimane solo il dolore
la morte nel cuore
lacrime dolore
e poi ancora lacrime
ecco l’amore cosa è diventato
quanto abbiamo pagato
quell’attimo di felicità,
quelle risa spensierate
quei sogni irraggiungibili.
La solitudine scende come una nebbia
che copre tutto
e tutto diventa grigio
ogni giorno uguale all’altro
più niente e nessuno da aspettare
più niente da sognare o da desiderare.
Desidereresti solo morire
a che serve campare.
Il passato non torna
il presente fa schifo
nel futuro c’è il niente.
Il cavaliere vaga notte e giorno
senza sapere dove andare,
amici, lady, ma lei non c’è più.
Un'altra lei non esiste
e alla fine rassegnarsi
a quella vita vuota
dove il cuore ha smesso di battere
la mente di pensare
il corpo di vivere.

Il cavaliere solitario

Partire


Partire o non partire
andare ma restare
col pensiero ricordare
e i giorni contare
le ore per poter tornare
da questo posto stregato
nessuno si è mai allontanato
oppure è già tornato
gli amici lo hanno aspettato

il cavaliere solitario



Abbandonato


Non esiste dolore più grande
Quando qualcuno ha deciso di chiudere
senza una ragione che non riesci a capire.
Un sentimento come il dolore
è simile all’amore.
Il tempo passa inutilmente
il dolore resta e ogni tanto ci pensi
ti rendi conto che non serve a niente.
Ogni tanto improvvisamente
i pensieri tornano a quei momenti felici..
Cerchi di continuare a vivere con gli affetti
che ti sono vicino ma ti rendi conto
che non è sufficiente
è come se qualcosa ti mancasse.
Come un pesce rosso nel mare
Che non si abituerà mai
nell’acqua salata a respirare.
È colpa mia se ti ho trovata
è colpa mia se ti ho amata.
È solo colpa mia se la mia vita è finita.

il cavaliere solitario

Per chi si sente solo


Quello che io dico sempre a tutti coloro che improvvisamente si sentono soli.
Qualcuno nel corso della vita ti abbandona,
ma non per questo uno smette di vivere o muore dentro.
E' in quel momento che dobbiamo rialzarci,
dimostrare quello che siamo, il coraggio che abbiamo.
Ma per fare questo dobbiamo alzarci la mattina e
guardarci allo specchio e pensare intensamente:
"Quanto sono bella/o" iniziare a pensare "quando sono forte" iniziare a dire,
"ma se so fare tante cose non sono poi una schiappa come dicono!!!"
"A nessuno, e dico a nessuno posso permettere di distruggere la mia vita, di farmi del male".
Improvvisamente ti senti un'altra persona, esci di casa con il sorriso sulle labbra,
alzi gli occhi e per la prima volta dopo tanto tempo
vedi il cielo e ti accorgi di quanto sia meravigliosa la vita.
Chi ti incontra scoprirà in te uno sguardo diverso, e credimi
se piaci a te stesso, piacerai a tutto il resto dell'umanità,
e anche se incontrerai qualcuno invidioso,
proseguirai per la tua strada e non ti curerai di nessuno.

il cavaliere solitario

Pensierino del mattino


Se il mondo lo guardi sempre di traverso sembra piatto e scuro,
se lo guardi di lontano sembra tondo tutto colorato dove spicca l'azzurro.
Se lo guardi dal basso verso l'alto vedi il cielo, il sole, la luna e le stelle.
Se ti guardi intorno vedi gli alberi e attraverso le foglie filtra un bell'arcobaleno.
Poi vedi gli animali, che vivono felici di quel poco che hanno.
Purtroppo gli uomini non vivranno mai felici
perchè non si accontentano mai di quello che hanno.

il cavaliere soltiario

Amare


Amare fino a non capire più niente,
amare fino ad annullare la mente.
Ti stringevo e ti baciavo,
dentro di me pensavo,
sarà mia per sempre, non era vero,
era l`ultima volta che vi vedevo.
Amare fino a desiderare di morire
perchè non ti avrei mai più potuto rivedere.

il cavaliere solitario

Celeste


Celeste è l’azzurro dei tuoi occhi
Celeste è l’azzurro del mare
Celeste è il cielo sopra di noi
Di notte una stella che brilla
La luna che ci guarda da lassù
Lascia il posto al mattino
Il sole sorge, un alba rosa
E poi il cielo celeste

il cavaliere solitario

Frase letta sul giornale stamattina


Dopo aver fatto l'amore, dormiremo abbracciati.
La tua schiena contro il mio ventre.
E io stringerò le dita dei piedi intorno alle tue caviglie
come delle mollette, perchè tu non possa volare via la notte.

il cavaliere solitario

Per chi ha sofferto per amore


Purtroppo c'è gente che si approfitta dei sentimenti altrui
per soddisfare i loro bassi istinti animaleschi.
Questo noi non lo possiamo prevedere ma le emozioni
che hanno provocato in noi non avremmo mai potuto perderle
che ognuno si porti dietro i suoi sensi di colpa.

il cavaliere solitario

Lettera a mio padre e mia madre


Carissimi mamma e papà, forse non vi ho mai chiamato
così perché non me lo avete mai permesso, vi scrivo per dirvi
che non vi dimentico e per dirvi che non si può continuare
a vivere facendo la guerra a tutto il mondo.
Credo che tutti noi riceviamo dei torti, ma non per questo uno si deve isolare.
La frase che mi avete detto fin da piccolo: “Non ci serve niente da nessuno”
non è assolutamente vera.
Tutti abbiamo bisogno dell’amore degli altri per poter migliorare
noi stessi confrontarci e a nostra volta amare gli altri.
Non si può pensare di andare in chiesa e di essere sempre dalla parte della ragione.
Il dovere di un buon cristiano è anche saper perdonare.
Non si può decidere se delle persone possano far parte della famiglia o meno.
Si fa parte di una determinata famiglia perché ci si nasce non perché lo decide qualcuno.
Io credo che si può provare a chiedere scusa anche a chi non ha ragione proprio del tutto.
Inoltre bisogna, quando si prendono determinate decisioni,
pensare anche alle conseguenze che portano agli altri.
Tra cui il fatto che mia figlia è costretta a vedere un parente
alla volta perché non si frequentano e mette in difficoltà
le persone che dovrebbero spiegargli il motivo di tutto questo.
Vogliamo insegnare e dare come esempio l’astio e l’odio tra le persone a questi ragazzi?
Non mi sembra che sia la cosa giusta.
Anzi io chiedo scusa a voi per questa lettera che è lungi dall’intento di ferirvi
ma io ho voluto comunicarvi quale è il mio pensiero.
Se voi mi ascolterete e interpreterete nella giusta misura
quello che io dico vincerete il vostro orgoglio e la vostra superbia.
Ma se non mi ascolterete perderete i veri valori della vita.


il cavaliere solitario